Foto perfette in notturna, arriva la app di Google

di Fabiana Raponi Commenta

Chiunque scatta foto su foto utilizzando lo smartphone che ha praticamente mandato in pensione le vecchie macchine fotografiche e le polaroid. Ma se siete soliti scattare foto con lo smartphone, allora sapete anche bene che il rischio di realizzare scatti che risultino sfocati e poi poco precisi soprattutto di notte è davvero dietro l’angolo.

google app foto

Ma per ovviare al problema ed evitare scatti sgranati e poco chiari che possano invece competere con quelli prodotti da un apparecchio professionale, potrebbe essere sufficiente una semplice app. 

Questo almeno è quanto promette l’esperimento un ricercatore di Google che sembrerebbe aver aggirato il problema.

Il ricercatore in questione si chiama Florian Kainz ed è ingegnere del software specializzato nella piattaforma di realtà virtuale Daydream.

Ha scommesso con i suoi colleghi di essere in grado di realizzare scatti in notturna con il suo smartphone che possano essere della stessa qualità degli scatti di una macchina professionale.

Scommessa vinta evidentemente: Kainz ha annunciato di essere riuscito nell’intento andando a sviluppare una semplice  app per Android. L’elemento in più consiste nel fatto di poter controllare manualmente i tempi di esposizione, la messa a fuoco, ma anche la sensibilità della fotocamera alla luce in pratica eliminando i difetti degli scatti con lo smartphone.

L’app realizzata regista fino a un massimo di 64 fotogrammi in un solo scatto per poi fonderli ed eliminare subito l’effetto sfuocato che sembra caratterizzare le foto notturne.

E i risultati di Kainz, che vanta dalla sua parte anche il fatto di essere un ottimo fotografo, sembrano dargli completamente ragione. Adesso gli utenti sono in fibrillazione, ansiosi di poter usufruire della miracolosa app.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>