National Geographic, l’orango protagonista del migliore scatto del 2017

di Fabiana Commenta

È stato lo sguardo spaurito e smarrito di un orango del Borneo che scruta con attenzione l’ambiente circostante a conquistare il titolo di migliore foto di natura del 2017 secondo il concorso fotografico del National Geographic.

national geographic6

Uno scatto drammatico che testimonia la condizione difficile in cui si trova costretto a vivere l’orango colto dalla macchina fotografica di realizzato da Jayaprakash Joghee Bojan: l’orango guarda con estrema attenzione tutto l’ambiente circostante da dietro un albero mentre sta cercando di attraversando un fiume. Normalmente l’orango sarebbe portato muoversi sugli alberi, ma adesso è costretto a guadare un film infestato da coccodrilli.

È lo scotto che l’orango deve pagare a causa della perdita del suo habitat naturale stravolto e annientato dalla crescita esponenziale delle piantagioni di palma da olio in Indonesia.

Sempre più spesso gli scatti di natura stanno assumendo il ruoli di denuncia delle tragiche condizioni della natura, anche se il grido d’allarme continua ad essere inascoltato.

L’immagine dell’orango ha conquistato il primo posto nella sezione “fauna selvatica”, seguita dallo scatto di Alejandro Prieto che ha colto un fenicottero rosso che sta imboccando il suo piccolo, fra altri cuccioli e realizzato nella penisola dello Yucatan.

Terzo posto per il combattimento di due aironi colto in Ungheria dallo scatto di Bene Mate. Menzione d’onore per lo scatto di Harry Collins che mostra il primo piano di un macaco del Giappone circondato dai suoi simili

Apprezzato dal pubblico lo scatto di Lance McMillian che raffigura un gufo della Lapponia mentre sta sfrecciando in un campo del New Hampshire per colpire la sua preda.

 

 

photo credits | National Geographic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>