Superluna 2018, gli scatti più belli del Virtual Telescope

di Fabiana Commenta

Il 2018 si è aperto all’insegna della spettacolarità con l’arrivo della Superluna, la prima dell’anno e la terza consecutiva: si chiama Superluna che resta un nome evocativo, ma di fatto si tratta di una Luna piena in perigeo, che ha raggiunto la minima distanza dalla Terra (di 356565 km) alle 22.56 del primo gennaio apparendo più grande e più luminosa (visto che è stata in perigeo) e anche piena poche ore dopo.

superluna1

È stata la seconda di ben tre Superlune consecutive, dopo la prima del 3 dicembre 2017 e prima di quella del 31 gennaio che non sarà visibile dall’Italia: intanto è stata la più luminosa delle tre e in molti hanno potuto osservare la meraviglia della Superluna grazie  Virtual Telescope che ha ripreso in diretta la Superluna sull’orizzonte di Roma grazie ai suoi strumenti mobili che anticipato da Gianluca Masi, astrofisico e responsabile scientifico del Virtual Telescope Project.

La diretta, cominciata alle 17.00 e con partecipazione gratuita ha mostrato una luna, anzi, una Superluna più grande del 7% e un po’ più luminosa della media, con variazioni forse impercettibili a occhi nudo, ma estremamente affascinante.

E sono stati proprio tutti gli utenti a partecipare all’evento astronomico con una serie di scatti, uno più bello dell’altro che hanno catturato la bellezza della Superluna e l’effetto del nostro satellite nel panorama della Capitale sui monumenti più belli. 

Non solo: a partecipare anche i gruppi dell’Unione Astrofili Italiani (Uai) che sono attivi in tutta Italia e dall’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>