Il calendario 2013 di Giusy Buscemi uscirà a gennaio 2013

di Francesca Spanò Commenta

 

Miss Italia 2012 è Giusy Buscemi che sta per sfornare il suo primo lunario. Il calendario 2013 uscirà, infatti, a gennaio e intanto si fa un gran parlare intorno all’evento. La kermesse inventata da Enzo Mirigliani ne ha proposto di bellezze nel tempo e nell’attesa è possibile vedere le altre bellezze che da due lustri diventano protagoniste di dodici mesi, più che bollenti, eleganti e sensuali. Dieci anni di scatti in questo senso e la prima che viene mostrata in tutta la sua avvenenza, è Cristina Chiabotto, eletta nel 2005. Lei inizia il cosiddetto Cal Dan, che porta fino al nuovo anno e ad un altro calendario. Per Giusy Buscemi, invece, ora è solo tempo di lavorare affinché questo momento la consacri ancora di più, nell’obiettivo di tutti, come la più bella in Italia al momento. La Chiabotto, invece, nel calendario appare con una scollatura più delicata, visto che come lei stessa ha detto ha ceduto al fascino del chirurgo estetico e si è rifatta il seno. La bella piemontese, ha quindi richiesto un intervento di mastoplastica del quale non si è mai pentita. Ci saranno poi altre giovani avvenenti come Francesca Chillemi fotografata da Lorenzo Bringhelli. Lei ha una marcia in più, nel senso che è stata la prima ad essere fotografata nel 2003. In molti hanno lavorato al lunario e tra questi non mancano:  Gianni Berengo Gardin, Tiziana Luxardo, Gianmarco Chieregato, Marino Parisotto, Bob Krieger e alcuni giovani di una scuola di fotografia. Nel 2012, in più, il calendario di Stefania Bivone è stato legato a un progetto benefico. L’argomento, in quel caso, era dedicato alle donne infortunate sul lavoro. Gli scatti realizzati sono stati realizzati da Tiziana Luxardoso in collaborazione con Anmil e Inail. Quali altre ragazze verranno via via mostrate? Francesca Chillemi (2003), Cristina Chiabotto (2004), Edelfa Chiara Masciotta (2005), Claudia Andreatta (2006), Silvia Battisti (2007), Miriam Leone (2008), Maria Perrusi (2009), Francesca Testasecca (2010) e Stefania Bivone (2011)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>