Emma Stone: foto sulla copertina di Vogue

di Francesca Spanò Commenta

 

I servizi fotografici sono molto spesso una occasione per raccontarsi e per mostrare al proprio pubblico di non essere le algide e irraggiungibili star del mondo dorato di tv e cinema, soprattutto se si tratta di Hollywood. E’ Emma Stone, questa volta a mostrare le proprie peculiarità caratteriali e a parlare del  “panico da palcoscenico”, comune a molte sue colleghe, confermando che a lei non è mai capitato.Per la verità la recitazione l’avrebbe anzi guarita da questi disturbi da ansia di cui soffriva invece da piccola, quando non calcava ancora le scene. Lei aveva solo otto anni quando ha iniziato ad avere delle crisi molto debilitanti e non riusciva proprio ad uscire di casa. Il suo impegno sul set, invece, l’ha cambiata ed è riuscita ad uscire definitivamente dal tunnel. A Vogue che l’ha fotografata mettendola anche in copertina, ha quindi detto: “Ero immobilizzata non volevo uscire con nessuno”.Oggi è cresciuta e la sua carriera l’ha cambiata in positivo. A 23 anni è stata in grado di elaborare paure e passato ma non da sola. Si è lasciata aiutare dalla terapia ed, in più, è diventata una attrice famosa in tutto il mondo. A Vogue però ha raccontato di soffrire di qualche disturbo di questo genere occasionalmente, ma è in grado di fermare il problema sul nascere. Ora quindi sta meglio e per ora ha imparato a gettarsi nel vuoto attaccata al suo Spider-Man, il fidanzato Andrew Garfield. Entrambi sono protagonisti di “The Amazing Spider-Man“, film che uscirà nella sale italiane il prossimo 4 luglio. Insomma, siamo tutti uguali davvero sotto questo cielo, condizioni economiche a parte e, per fortuna i giornali a volte riescono a mettere in luce debolezze di personaggi che, altrimenti, potrebbero sembrare lontani anni luce. Tra uno scatto e l’altro, Emma Stone si è messa a nudo raccontandosi e, quindi, facendosi apprezzare ancora di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>