Foto sexy con stile: è l’ora di Ambra

di Francesca Spanò Commenta

E’ il suo momento, per la verità da anni ormai e se Non è la Rai resta un ricordo lontano e quasi confuso, di Ambra oggi si ricorda l’impegno al cinema e la bellezza di una donna che con la semplicità riesce ad essere raggiante. Ha deposto le armi da tempo e non vuole più apparire aggressiva e invincibile. Si mostra invece per quello che è, con le sue fragilità e non nasconde più le insicurezze, tanto che dice al giornale Amica, dove appaiono delle sue foto sensuali ma eleganti: “Non mi fido di me, ho paura di non trattenere la mia follia e di non saper contenere il desiderio di cambiare”. Ha lavorato tanto per riuscire a convincere pubblico e critica e oggi con un nuovo taglio sbarazzino, conferma di vivere un momento tranquillo da questo punto di vista.

Raccoglie i consensi, insomma, dopo stagioni di studio, lotta con la bilancia e stress vari. Luoghi comuni l’hanno interessata ma lei ha imparato ad andare dritta per la sua strada: “Per offendere una donna chiunque pensa di zittirla dicendo o che è grassa o che è una zoccola. Cercano di spiegarsi il motivo del successo così. Io ho avuto la fase grassa e mignotta, e forse in qualche momento tutte e due”. In più da quando lavora a Piazzapulita su La7 le fanno notare di essere diventata anoressica.

La sua forza sono i figli e il compagno Francesco Renga, con il quale vive da dieci anni: “Di lui ci sono cose che sinceramente non conosco e non voglio conoscere. E’ un uomo molto impegnativo, non ha paura delle debolezze che di solito si attribuiscono alle donne, così andiamo a fasi alterne e in questo momento sono molto più maschile io di lui“. Ha due figli  Jolanda, 8 anni e Leonardo, 5 e di loro dice: “Percepiscono la mia fragilità e la accolgono con naturalezza”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>