Monica Bellucci, un servizio fotografico per l’attrice che adora farsi guardare

di Redazione Commenta

 

Bella, intelligente, talentuosa e suo malgrado sempre al centro della scena: perché dovrebbe nascondere che ama farsi guardare e può certo permetterselo? Monica Bellucci posa su “Hunger Magazine“, la rivista inglese dove appare più splendida che mai e ne approfitta per riferire qualcuna della sue perle di saggezza che ne mostrano anche un certo spirito di osservazione del mondo che la circonda. Sono lontani i tempi in cui era una modella giunta dalla provincia di Perugia, oggi vive in Francia, ha sposato Vincent Cassel e ha due splendidi figli. Non ha perso però il suo fascino, è sicura di se anche se ci tiene a precisare: “La bellezza è noiosa senza cervello”. Nel frattempo si lascia fotografare per la rivista  prodotta dal celebre fotografo Rankin.Una testa che ammalia più delle sue curve e lo conferma anche  Terry Gilliam. Quest’ultimo ha detto:  “E’ una vera diva, ma è anche incredibilmente intelligente, sensuale e – cosa molto rara – ha i piedi ben piantati a terra”. Lei rincara la dose dicendo: “Mi piace essere una musa, recitare di fronte all’obiettivo. Il corpo diventa un oggetto con cui lavorare. E’ eccitante lavorare con persone di talento. Mi sento viva, mi piace il modo in cui mi guardano. E’ interessante vedere se stessi attraverso lo sguardo degli altri”.The Hunger Magazine“, dedica alla nostra Venere la copertina e a 47 anni si mantiene perfetta e in grado di far innamorare qualunque uomo sulla terra, senza dover ricorrere ad interventi estetici. Ecco perché l’attore francese al quale è legata non se la fa scappare di certo e il legame dura al meglio da anni. Può permettersi anche di mostrarsi senza veli tanto che nella scorsa stagione con “Un Été Brûlant“, in concorso al Festival del cinema di Venezia, è apparsa in una scena di nudo lasciando tutti senza parole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>