Monica Bellucci, servizio fotografico su Vanity Fair

di Redazione Commenta

 

“Io ho fatto solo un trattamento alle vitamine, una volta. Non amo l’idea di farmi ritoccare la faccia e, francamente, penso che per un’attrice sia abbastanza pericoloso. Che liberazione da quella fatica. Diventi più ironica e distaccata, provi finalmente un po’ di compassione per te stessa. Meglio le rughe di una faccia di plastica”. Conferma il suo poco amore per i ritocchini Monica Bellucci che si è fatta intervistare da Vanity Fair e nel frattempo ha prestato corpo e viso ad un servizio fotografico che, come al solito è strepitoso.Tra uno scatto e l’altro, l’occasione è ottima per parlare di sé e allontanare qualunque idea su quel suo modo di fare un pò algido oggi che è a tutti gli effetti una cittadina francese. Le sue origini però sono tutte italiane, per la precisione di Città di Castello e mentre i fotografi non faticano affatto per farla apparire al meglio lei confessa di non temere la menopausa.”La menopausa? Sono mentalmente pronta, e non mi fa paura. Da grande sostenitrice dell’omeopatia, penso di ricorrere in primis alle alternative che offre. Poi vedrò se ho bisogno delle tradizionali terapie ormonali sostitutive”. Assolutamente certa pure del fatto che adora le storie che la fanno sentire in pericolo e che per i ragazzi più giovani prova solo tenerezza. Ecco, quindi, che ama il tipo “al limite del trasandato, un po’ genere l’omo è omo e ha da puzzà”.Evidentemente ha trovato tutto questo nel compagno Vincent Cassel, visto che la loro storia continua felicemente da anni.Per il resto appare sempre perfetta e bellissima e chiaramente, visto che si mantiene praticamente sempre uguale o quasi, non ha certo bisogno di rivolgersi alla chirurgia estetica. Non avrà più vent’anni, ma tutti gli uomini italiani e anche fuori dai confini nazionali continuano a sognarla e ad eleggerla tra le donne più belle del mondo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>