Rihanna, su Max sempre più trasgressiva

di Francesca Spanò Commenta

La strada intrapresa da Rihanna da qualche tempo con i suoi video musicali ed una immagine che di certo non passa inosservata, sembra tutta orientata verso la trasgressione e qualche tocco al limite dell’hard. La ragazza originaria delle Barbados sa bene come “acchiappare”il pubblico ed, infatti, se un giorno lancia sguardi da ingenua cerbiatta, quello successivo eccola provacante e super sexy, come si mostra adesso nel servizio fotografico di Max e per l’occasione, non mancano le rivelazioni piccanti.

Nell’intervista di rito, quindi, Rihanna rivela: “A letto mi piace essere sottomessa. Lavoro tanto e prendo decisioni importanti nella vita di tutti i giorni quindi nell’intimità voglio un macho che si sappia occupare di me. Mi piace essere sculacciata o legata ma in maniera spontanea. Se capita meglio usare le mani che spezzare l’incantesimo andando nell’armadio a cercare una frusta”.

Sia ben chiaro, però che tutto ha un limite e quindi come conferma: “Non perdono né la violenza né l’omicidio, sono stata maltrattata in passato ma non corro in giro a uccidere gente nel tempo libero. Voglio solo che le ragazze siano prudenti: per questo ho girato un video potente come Man Down”. Per confermare quanto dice tra una immagine e l’altra, eccola che nel nuovo disco “Loud” canta: “I bastoni e le pietre possono rompermi le ossa / Ma le catene e le fruste mi eccitano”. “Il dolore è il mio piacere”. Ai fans comunque lei piace molto soprattutto ai maschietti: “Il pubblico mi vede spesso con il culo e le tette di fuori e capisco che questo possa irritare alcune ragazze. Però i commenti denigranti sul web sono fatti da quelle che non hanno le palle di confrontarsi con me. Grazie a Jay Z ho raggiunto il successo a 17 anni ma l’immagine di perfettina esotica proprio non mi piaceva… io volevo emergere così mi sono presa la responsabilità della mia immagine e della mia musica e sono diventata cattiva. ‘Good Girl Gone Bad’ è stata la conferma che avevo ragione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>