Playboy punta sulla cover di Marylin Monroe

di Francesca Spanò Commenta

 

Mezzo secolo dalla sua morte non ha cancellato il ricordo della diva delle dive, Marilyn Monroe. Lei è stata una delle prime cover girl ed è rimasta nell’immaginario delle vecchie e nuove generazioni. Ora è Playboy che torna a celebrarla e le dedica la copertina nel numero 41. All’interno oltre alle foto anche un servizio esclusivo che parla del mito, dei suoi successi e di quello che ci ha lasciato. Per la prima volta, con l’occasione sono stati aperti gli archivi fotografici del portfolio “The nude Marilyn” ed è stata celebrata una delle icone di bellezza che il mondo non dimentica. Non era bellissima ma era sexy e rappresentava la forza e la fragilità, la trasgressione e la dolcezza. Un mix che faceva impazzire, tanto che è stata ed è rimasta la donna più interessante del mondo. Gli scatti sono quelli di Tom Kelly e lei è una vera pin-up, a tratti femme fatale con i suoi nudi. E’ davvero doloroso sapere che è morta giovanissima e misteriosamente il 5 agosto del 1962, a soli 36 anni. Ha comunque continuato ad affascinare il pubblico di tutto il mondo, che mai ha venerato un personaggio del mondo dello spettacolo in questo modo. E’ stata sua la copertina per eccellenza di Playboy e adesso di lei parla il suo  fondatore Hugh Hefner. Lo stesso ha detto: “I momenti in cui aveva più controllo (della situazione) erano quelli in cui era nuda. Quella che era una posizione di vulnerabilità per gli altri era una posizione di potere per lei”. Certo e proprio senza veli, ma mai volgare la ricordiamo ancora, pronta a conquistare e farsi ricordare. La Monroe sarebbe orgogliosa e forse incredula di tanto successo eppure con il suo sorriso e quella voglia di vivere che, invece, nascondeva tanto dolore è riuscita a diventare unica nel tempo e a farsi amare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>