Miley Cyrus e Terry Richardson per Harper’s Bazaar

di Valentina Cervelli Commenta

miley cyrus terry richardson harper bazaar

Miley Cyrus non è più Hannah Montana. Ed i suoi video, le sue scelte di stile, il “twerking” ormai divenuto marchio di fabbrica ce lo dimostrano. Ma è solo attraverso l’obiettivo di Terry Richardson che l’attrice riesce a scrollarsi di dosso il suo personaggio senza sembrare volgare.

Diciamocela tutta: per quanto talentuosa, le ultime scelte relative all’immagine ci avevano lasciato nei confronti di Miley Cyrus un tantino perplessi. Guardando gli scatti arrivati in rete dell’ultimo set fotografico di Terry Richardson invece, tiriamo un sospiro di sollievo. I suoi scatti, quasi sempre su fondo bianco danno vita ad un gioco incredibile di colori e riescono in ogni caso, a dare una immagine, per quanto trasgressiva, sempre pulita del soggetto ripreso. Vogliamo dire che sia questa la vera arma del professionista in questione? Pensiamo ai diversi scatti di James Franco, Lady Gaga e tutte quelle star più o meno eccessive e speciali che sotto l’obiettivo di Terry rinascono in pratica dalle proprie ceneri.

Questi scatti, come ha raccontato la stessa Miley Cyrus attraverso il suo account twitter andranno a finire sul prossimo numero di Harper’s Bazaar. Magari ve lo concedo, tralasciamo la sequela di volgarità con la quale ci ha reso partecipi dell’evento e concentriamoci sulle foto. Non vi è dubbio che la giovane si sia liberata definitivamente dell’immagine virginea di Hannah Montana.

A dare il segno distintivo al tutto, oltre che il talento di Terry Richardson, ci ha pensato il contrasto creato dall’artista facendo utilizzare alla giovane il suo nuovo rossetto, legato al suo nome. E tanti piccoli elementi, in parte tipici di Miley, altri di Terry. Dicevamo il classico sfondo bianco che regala patinatura ma non immobilismo, il ciuffo biondo platino della cantante a metà tra lo sbarazzino ed il “trucido” e delle pose tra il sexy e lo sfrontato che tanto piacciono a Terry ed ai suoi estimatori. Come potete verificare da soli, il risultato è stato decisamente soddisfacente.

Photo Credit | Terry Richardson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>