Ossessione della foto perfetta, rischia di rovinare i ricordi

di Fabiana Commenta

Smartphone alla mano, siamo ormai ossessionati dai selfie o della giusta inquadratura alla ricerca della foto perfetta: ma scattare foto in continuazione per immortalare le esperienze che vorremmo ricordare, rischia proprio di danneggiarle. Insomma l’effetto boomerang è dietro l’angolo: a forza di scattare foto per catturare i nostri migliori ricordi, rischiamo proprio per finire di danneggiarli e di perdere l’emozione di un’esperienza vissuta veramente.

Che le foto possano danneggiare anche le esperienze più entusiasmanti viene suggerito dallo studio Psychology & Marketing che ha valutato il grado di piacevolezza riscontrato fra chi scatta fotografie e chi si astiene dal fotografare. Insomma scattare foto per ricordare la nostra esperienza finisce per danneggiarla e finisce anche per contaminare i ricordi: Gia Nardini, docente di marketing al Daniels College of Business di Denver spiega che è necessario fare una scelta, vivere il momento o fotografarlo. 

Con l’avvento degli smartphone le corse sono peggiorate perché siamo incentivati a scattare in continuazione finendo per perdere i ricordi del momento. La teoria di Nardini è stata avvalorata da tre diversi tre esperimenti. 

Nel primo, è stato mostrato a 152 studenti un video di dieci minuti con riprese spettacolari di meduse e serpenti e che gli studenti hanno valutato come “molto piacevole”.

A metà degli studenti è stato detto di guardare solo il video, all’altra metà è stato chiesto di scattare fotografie dello schermo schiacciando un bottone. Il primo gruppo ha valutato l’esperienza positiva per il 72,6% e il secondo gruppo che ha scattato foto l’ha valutata positiva per il 63,8%. 

Il secondo esperimento si è svolto allo stesso modo, ma il gruppo dei fotografi è stato diviso in due: un parte ha dovuto condividere le foto e l’altro le ha conservate per sé. Chi non ha scattate le foto ha gradito di più l’esperienza (83%) rispetto a chi ha fotografato e ha condiviso gli scatti (73%) o conservarli come ricordo personale (76%).

Lo studio ha anche confermato che mettersi a fotografe può compromettere solo le esperienze considerate come “molto piacevole” mentre non influenza le esperienze piacevoli. 

Se scattare la foto ci illude che una volta tornati a casa potremo rivivere la stessa emozione, ciò non è vero senza dimenticare poi che scattare foto ci distoglie dall’attenzione del momento fra estrarre lo smartphone, controllare i messaggi ed effettuare la giusta inquadratura. Un mondo a parte è costituito dalla categoria dei narcisi perché per loro scattare una foto da sfoggiare sui social network aumenta la loro autostima senza compromettere la piacevolezza del momento vissuto. 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>