Il Calendario delle Signore del Letame a scopo benefico

di Francesca Spanò Commenta

 

Certo la location mette i brividi, ma loro sono bellissime e quindi riusciranno certamente nel loro scopo benefico. Parliamo delle modelle che hanno lavorato ad un calendario assolutamente incredibile, pensate solo che sono state chiamate le signore del letame e non vi chiederete altro. Il lunario è stato presentato da Green Charity orgoglioso di lanciare  Ladies of Manure”. Certo un lavoro bizzarro sicuramente proposto dalla Fertile Earth Foundation per evidenziare i benefici del compostaggio. E’ chiaro che le ragazze presenti all’appello sono super sexy, ma hanno avuto un certo coraggio a lasciarsi immergere nello  sterco di cavallo, coperte da compost pieno di vermi o immerse in una vasca piena di escrementi di pesci. Le immagini sono tremende a tratti, ma per fortuna le loro curve distraggono e, magari permetteranno di raggiungere l’obiettivo facilmente. Se cercavate un calendario 2013 particolare, insomma, in questo caso andrete certamente sul sicuro, ma chi lo noterà non potrà fare a meno di mostrare una smorfia di disappunto. Scollature interessanti per le protagoniste del calendario che mostrano di avere grande attenzione per l’ambiente. Il set fotografico, ha avuto come splendida location Miami, dove le ragazze hanno posato per il servizio fotografico e si sono lasciate ricoprire dai rifiuti e dal letame. C’è ad esempio una delle top in posa sdraiata in un giardino con le parti intime coperte da un compost ricco di vermicelli attivi. C’è invece chi fa pipì sul letame e così via dicendo. Uno tra gli scatti più interessanti, ancora, è quello di una sexy biondina che con sorriso magnetico si immerge in una vasca piena di sterco di cavalli mentre la collega si tuffa in quella che contiene escrementi di pesci. Il tutto con lingerie super provocante giustamente, che lascia senza fiato gli uomini. Non mancano le lunghe cavalcate e chi non vorrebbe avere vicino insomma queste giovani ecologiste? Magari verrà voglia a molte di salvare l’ambiente. 

 Photo Credit: Splash news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>