Irving Penn 1917-2009

di Monica Papagna Commenta


Il 7 ottobre si è spento a New York Irving Penn, fotografo reso famoso dalla rivista Vogue. I suoi ritratti, le nature morte e le immagini di moda l’hanno reso celebre in tutto il mondo e l’hanno fatto entrare a buon diritto nella storia della fotografia contemporanea.

Irving Penn è stato, insieme a Richard Avedon, uno dei due più grandi fotografi di moda del secondo dopoguerra, a cui si ispirò perfino il grande regista Michelangelo Antonioni quando scrisse il personaggio del protagonista del suo film “Blow-Up”.

L’ultima grande mostra milanese di Irving Penn è avvenuta lo scorso marzo quando, all’interno della collettiva “Extreme Beauty in Vogue”, è stata dedicata un’intera sezione monografica alle sue opere, riconoscimento inequivocabile del suo essere stato il più grande occhio di Vogue.

I suoi still-life sono indimenticabili, le sue nature morte per la prima volta hanno segnato un netto cambiamento rispetto alla tradizione. Forse però Irving Penn viene ricordato più per le sue foto di moda per John Galliano, Chanel, Yves Saint Lauren o per le sue donne mascherate, rese irriconoscibili da grottesche maschere di bellezza, fatte di garza, plastica o, addirittura, ortaggi.

Altrettanto famosi sono i suoi ritratti a scrittori, intellettuali ed artisti, tra cui spicca soprattutto un lavoro dedicato alla Beat Generation e alla Summer Love.

Indelebili nella memoria, infine, anche i suoi nudi,. Alcuni in particolare: penso all’ossuta Kate Moss ritratta da Irving come autentica dea della sensualità. Questa foto e quella che ritrae un’altra top model, Giselle Bundchen, sono state vendute da Christie’s per cifre record, che hanno catapultato Irving Penn nella lista dei desideri dei collezionisti di tutto il mondo, insieme ai grandi della fotografia come Helmut Newton, Avedon, Man Ray, Robert Mapplethorpe, Guy Bourdin, Cindy Sherman, Diane Arbus, Horst P. Horst.

Penn è morto a 92 anni, probabilmente ben consapevole di essere entrato in eterno nella storia della fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>