La foto più grande del mondo

di Lorenzo Commenta

Ci sono voluti 172 minuti, quasi tre ore, passati su un tetto a scattare foto una dietro l’altra, con ritmo incessante. Il risultato è la foto più grande del mondo che ci consegna la skyline di Dresda in Germania.

La città sul fiume Elba di 512.234 abitanti della Germania è la capitale e il secondo maggiore centro del Land della Sassonia. La foto che ci consegna con un’accuratezza incredibile e un dettaglio di particolari strabiliante la città tedesca, entrata ufficialmente nel Guiness dei Primati ed è al momento la più grande foto al mondo.

Composta da 1655 scatti da 21.6 megapixel ciascuno, la foto ha richiesto un lavoro straordinario di postproduzione. 96 ore di montaggio per mettere insieme, proprio come pezzettini di un gigantesco puzzle, tutti gli scatti. Sovrapporre i bordi senza lasciar intravedere linee, uniformare luci e temperature del colore, che si sa, nel giro di tre ore subiscono cambiamenti molto vistosi, per formare una sola foto.

Il risultato  è un’affascinante foto che vista come miniatura non rende, ma se consideriamo che ha la bellezza di 26 gigapixel, le cose cambiano. Sul sito la foto è completamente navigabile, basta avere un po’ di pazienza per i tempi di caricamento.

Da oggi stando comodamente seduti sulla propria poltrona potrete aver accesso alla città di Dresda, avendo la possibilità di localizzare rapidamente monumenti, chiese, strade, tutto a portata di click.

Dresda in Germania conquista il record di foto più grande del mondo. Seguite il link se volete fare gli ingrandimenti che la foto merita. Il risultato è spettacolare ma, con le connessioni lente bisogna attendere qualche secondo per gli zoom. Il software che permette di zoommare e dezoommare all’interno dell’immagine è veramente ben fatto.

La foto è stata scattata sul tetto dell’edificio Haus der Presse e presenta subito sulla sinistra l’Ostragehege. Potete vedere di fronte il Centro Congressi e sulla destra Maritim Hotel. Nel centro  la città di Dresda vecchia con la famosa Semperoper (vista dal dietro), il castello e la chiesa di Nostra Signora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>