Fotocamere digitali: il cellulare mette in crisi le vendite

di Francesca Spanò Commenta

Una volta si acquistavano le fotocamere digitali per immortalare i propri momenti importanti e ogni famiglia ne possedeva almeno una, per poter sperare di conservare al meglio i giorni più belli della propria vita. Questo fino all’arrivo dei cellulari. Tuttavia,  ad oggi il risultato non era lo stesso e le macchine fotografiche erano comunque un’altra cosa. Ora non sembra essere più così. Gli smarthphone sono tascabili, comodi e producono risultati di grande qualità. Il risultato è che il settore è entrato in crisi e lo conferma un recente studio di mercato realizzato da NPD Group.

Un dato curioso visto che la tecnologia non ha mai, in generale, conosciuto momenti di poche vendite, ma adesso tra telefonini e fotocamere è guerra aperta. In termini di percentuali gli scatti effettuati passano dal 16 per cento del 2010 al 27 per cento del 2011 e si aspettano numeri probabilmente raddoppiati per il 2012. Allo stesso tempo, invece, le istantanee ottenute da fotocamera sono passate dal 52 per cento al 44 per cento.

A partire da febbraio del 2011, le “punta e scatta”, cioè i dispositivi economici sono calati del 17 per cento. Insomma tali gioiellini tecnologici non sembrano essere più tali per gli italiani o forse il problema è che si risparmia preferendo un telefono di ultima generazione in grado di fare tutto. Questo non vuole dire però che non si faccia attenzione alla qualità, anzi. Si è moltiplicata, soprattutto nel mercato statunitense, la richiesta di fotocamere con obiettivo intercambiabile (reflex e CSC), dove si è fatto notare un più 12 per cento, cioè un più 11% di fatturato. La vendita delle cosiddette “superzoom”, ovvero da 10X o più, è addirittura aumentata del 16%. I produttori di vecchia data che fanno? Cercano di inventarsi potenzialità sempre nuove per le macchine, in modo da non far migrare tutti i clienti verso i tanto amati cellulari, ma si calcola che per il 2012 ci vorranno degli sforzi ancora maggiori.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>