Ambra: tra foto e pettegolezzi

di Redazione Commenta

E’ bersagliata da giorni da pettegolezzi che parlano di presunti tradimenti al compagno, foto compromettenti e cali di nervi. Ma lei ha deciso di dire basta a tutto questo caos, nemmeno troppo calmo, intorno a lei. Per questo Ambra Angiolini, ex star di Non è la Rai e da anni ormai apprezzata attrice e conduttrice, dichiara: “Non sono tenuta a dare spiegazioni a nessuno, se non al mio compagno che le ha già avute. Devo solo poter guardare Francesco negli occhi, e io lo posso guardare”. Sulle pagine di Vanity Fair, che le dedica un bel servizio fotografico, si racconta ma neanche troppo, perchè il privato lei lo difende con le unghie e con i denti.

Definisce i gossip che la riguardano “sleali”, soprattutto quelli legati al polverone sollevato dalle immagini che la ritraggono con Pier Giorgio Bellocchio. Ambra, poi, continua: “Ti trovi sbattuta in copertina, con foto paparazzate e l’insinuazione che hai una storia con un altro. Che non è il tuo compagno e padre dei tuoi figli. Chissenefrega se questa cosa può minare equilibri già delicati. Chissenefrega se può distruggere una famiglia. Chissenefrega se “la storia”, magari, non è mai davvero esistita, o non esiste più”.Si definisce, quindi, “ferita e umiliata” e le foto su Vanity Fair sono una occasione di riscatto.

Gli scatti sono l’occasione per sfogare il suo dolore e commenta: “Francesco pensa soprattutto a proteggermi. Il giorno dopo l’uscita di quelle foto aveva un concerto e ha dedicato un pezzo “alla mia compagna, contro gli sciacalli che tentano di minare il nostro rapporto, che d’amore si tratta.passi pubblicare semplicemente le foto, se di gossip ti occupi. Io ho sempre messo in primo piano l’equilibrio della mia famiglia, non ho bisogno di copertine “purché se ne parli”, se ho dei problemi cerco di gestirmeli e non credo che alla gente interessino. C’è ben altro di cui preoccuparsi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>