Sony: il terrremoto in Giappone fa calare i guadagni

di Francesca Spanò Commenta

Le previsioni non sono per niente consolanti, nonostante si tratti di un colosso mondiale della fotografia e della tecnologia più in generale. Tuttavia, di fronte a gravi calamità naturali che tutto sono in grado di spazzare via, prima ancora dei ricordi e delle vita, si volatilizzano anche anni di duro impegno e i relativi guadagni. Certo il nome della Sony resta sempre incredibilmente importante, frutto di successi continui per molto tempo, ma si calcola che il recente terremoto in Giappone e il successivo tsunami, abbiano provocato troppi danni e il conto finale sarà in rosso.

Persino adesso che se ne parla di meno le cose non sono poi migliorate di molto, senza contare che il disastro della centrale di Fukushima non è stato ancora del tutto risolto. Sony comunque paga le spese legate al PlayStation Network. E’ stato lo stesso colosso giapponese a fare capire che potrebbe perdere almeno 120 milioni di euro, ma la cifra potrebbe salire col passare del tempo. Già, perchè se qualcuno decidesse di fare causa a Sony, allora il danno potrebbe essere davvero incalcolabile. Per cui sarà il tempo a dare certezze positive o negative in merito.

 

Senza parlare delle perdite nette previste per l’anno fiscale terminato a Marzo 2011: pure in questo caso parla Sony e dice che prevede di perdere 2 miliardi di euro (260 miliardi di Yen), peggiorando le stime di Febbraio che garantivano non più di 70 miliardi di Yen. Se la crisi potrebbe essere alle porte pure per Sony, non è tutto solo dovuto al buio del PlayStation Network, ma soprattutto al disastro giapponese di marzo, con danni che ammontano a 22 miliardi di Yen. E’ chiaro che per i concorrenti è il momento di non avere pietà, affilare le armi e colpire. Insomma non si potrà parlare di ripresa almeno fino al 2012, perchè il tempo necessario per rimettere tutto a posto è parecchio.Come finirà?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>