Monica Bellucci, servizio fotografico su Grazia

di Redazione Commenta

 

Monica Bellucci, torna a raccontarsi e lo fa dalle pagine di Grazia. L’occasione è fornita da un servizio fotografico che immortala la bellissima italiana ormai adottata dai francesi. Lei però racconta di non essere tanto perfetta come sembra: accetta l’età che passa, ma nota dei cambiamenti. Assicura ad esempio di non avere più quel seno che tanto ha fatto sognare gli italiani e non solo. Ci scherza senza problemi e dice che durante l’allattamento lo ha definitivamente perso. Per amore di Deva e Leonie, però, questo ed altro. In ogni caso, basta il suo sguardo magnetico per distrarre gli uomini e catturare l’attenzione per cui nessun problema insomma. La carica sensuale non manca, lato A in primo piano o meno. Intanto tra uno scatto e l’altro, confessa al giornale:  Quando Vincent torna capisco che lo amo”. Parla del marito Vincent Cassel che, confessa, ha “sposato per romanticismo”. Lui la conosce bene e la adora in tutte le versioni, perché l’ha vista:  “Con e senza trucco, mentre piango e rido, con i capelli lunghi e corti, grassa e magra, in sala parto… Quando non ci vediamo da tempo e magari gli do un appuntamento al ristornate capisco che è uno che mi piace, se non lo conoscessi chiederei in giro ‘Chi è?’…”. La maternità è arrivata, fortemente voluta, dopo i quaranta anni  ed è totale per le due bambine. Monica ha scelto di lavorare, ma di dare la priorità alle piccole che cura notte e giorno. Per questo ha anche scelto di allattarle e conclude dicendo: “Ormai non ho più seno, ho allattato Deva fino a nove mesi, Leonie fino a un anno. Allora sì che l’avevo…”. Non se ne pente ed è felice e, per la verità, se non lo avesse detto lei non se ne sarebbe accorto nessuno perché resta una donna bellissima. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>