Katy Perry: immagini con scollatura in vista su Rolling Stone

di Francesca Spanò Commenta

L’attenzione è tutta puntata sulla sua scollatura ultimamente e a Katy Perry sembra non dispiacere affatto questa sua immagine giovane e sexy, un pò retrò a volte, ma molto molto sensuale. Sempre criticata ma al centro dell’attenzione, ha deciso di parlare e di mostrarsi ancora una volta in un servizio fotografico e la rivista in questione è Rolling Stone. A firmare il servizio è Terry Richardson, fotografo tra i più controversi e particolari che ci siano giro e lei si lascia immortalare con il suo solito sguardo intrigante e malizioso.
Durante gli scatti ne approfitta per raccontarsi e togliersi qualche sassolino dalla scarpa: “Criticano i miei dischi? Chi se ne frega! Avete visto i numeri che faccio tra vendite e concerti? I numeri non mentono”. Ai fans però interessa anche la sua generosa scollatura che coglie sempre l’occasione per mostrare e per sfruttare per la sua immagine: “L’ho nascosta per anni fino a quando ho capito che potevo usarla. Ho iniziato a pregare che le tette mi crescessero a 11 anni e Dio ha risposto alle mie preghiere oltre il desiderato. A un certo punto non mi vedevo più i piedi, non capivo più il mio corpo. Non sapevo che potevo usare queste “cose” a mio vantaggio. Così ho iniziato a nasconderle, fasciarmele, questo almeno fino ai 19 anni”.

La carriera per il resto va a gonfie vele e lei si sente felice al massimo, come si nota anche dal sorriso raggiante nelle foto: “Quando mi chiedono come mi sento a leggere le recensioni negative rispondo ‘avete visto che numeri faccio? I numeri non mentono! Non sono stupida, sono consapevole che ‘California Gurls’ non salverà il mondo. Ma mette molto cuore nelle mie canzoni”. Del resto è stata la stata la prima artista ad avere almeno una canzone nella top ten della Hot 100 di “Billboard” per un anno intero.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>