Melissa Satta: foto e racconti su Vanity Fair

di Redazione Commenta

E’ passato ormai qualche giorno da quando la notizia è arrivata come una bomba nel mondo dello spettacolo e del calcio: Bobo Vieri ha lasciato Melissa Satta senza una reale spiegazione e si è chiuso così un capitolo durato anni e che sembrava quasi dai toni fiabeschi. Adesso la diretta interessata, si lascia fotografare corpo e anima da Vanity Fair e racconta, una volta per tutte come è andata veramente, in modo da non lasciare spazio ad alcun dubbio.

All’inizio è volata subito in Italia da New York per chiedere spiegazioni su quel freddo comunicato che metteva fine alla relazione con Bobo Vieri, ma non ha avuto risposta. Come afferma, quindi, “Si è limitato a starsene muto sul divano”e questo lo aveva ribadito sin da subito dal suo sito. Del resto, non deve essere stato facile per l’ex velina, accettare un modo tanto freddo per mettere fine ad una grande storia d’amore.Lui non avrebbe detto nulla direttamente a Melissa, secondo quanto riferisce, ma lei lo avrebbe appreso solo dalla stampa. In tal modo, proprio dal sito ha anche detto che tutta la verità è affidata al magazine, per il quale ha posato pure per un fascinoso servizio fotografico.

Nessun tradimento di Bobo con Sara Tommasi, come qualcuno aveva dedotto perchè lo aveva visto sotto casa della showgirl, e neppure un fantomatico corteggiatore in America e neanche i piccoli litigi al telefono avrebbero causato l’irreparabile tra l’ex giocatore dove l’ex velina che vive quasi sempre all’estero per studiare da attrice e modella. Alla richieste dei giornalisti su cosa è successo, risponde: “Non l’ho capito. Non so perché Bobo mi abbia lasciata. Non me lo ha neanche detto. Dire “Non ti amo più” è molto difficile… Se lui non ha il coraggio di spiegarsi con la persona che diceva di amare, forse i miei sentimenti erano mal riposti. Le scuse non bastano. Servirebbe, casomai, un impegno, una proposta seria, un progetto di vita. Ma non mi faccio illusioni” conclude e chissà che i due non tornino insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>