Come Instagram ha cambiato il modo di fotografare

di Valentina Cervelli Commenta

Ogni tanto tornare a parlare di Instagram è doveroso. Questa piccola ed essenzialmente semplice applicazione infatti è rea di aver cambiato definitivamente l’approccio che le persone hanno nei confronti della fotografia e del modo di fotografare.

Potrà sembrare stupido, ma partiamo dal formato. Sembra che ormai la maggior parte delle fotografie che arrivano in rete siano di forma “quadrata. Proprio come sono settate di default dall’applicazione. Certo, molto dipende anche dal fatto che mal maggior parte delle persone piuttosto che utilizzare una fotocamera compatta o una reflex utilizzano il proprio smartphone. Ma pensiamo un attimo ai vari filtri. Sono tra le ricerche più effettuate in rete dagli amatori che vogliono postare le proprie foto scattate con i normali dispositivi.

Non è un caso. Addirittura alcune nuove macchine di recente produzione hanno inserito firmware in grado di modificare al volo gli scatti con filtri simili a quelli di Instagram. E’ palese che questo piccola applicazione abbia conquistato molti più cuori di quelli che non si sarebbe mai aspettata. Certo, ha dato vita anche a diverse ossessioni, spingendo i programmatori a eliminare totalmente l’utilizzo di alcune tipologie di hashtag. E cosa dire del food porn? Le persone amano così tanto condividere i propri scatti di cibo da aver portato alcuni ristoranti a vietare l’uso del telefonino in tal senso. Ed i “selfie”? Gli autoritratti presi dagli utenti che grazie ad Instagram fanno il giro del mondo e dei social network?

Pensiamo semplicemente a questa estate, nella quale una ricerca ci ha mostrato senza mezzi termini che la popolazione è praticamente divisa a metà tra l’uso dei vari dispositivi e quello dello smartphone per fotografare. Voi ricordate ancora quando si facevano le diapositive da rivedere tutti insieme finite le vacanze o dopo qualche cerimonia? Ecco,questa tradizione è stata completamente cancellata da Instagram. E non vi sembra abbastanza come influsso?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>