Instagram: “mostra” virtuale per neofiti?

di Valentina Cervelli Commenta

Parlando di fotografia digitale e social network è impossibile non prendere in considerazione Instagram. Capiamo perfettamente che i puristi di questa arte potranno storcere il naso ma per la maggior parte dei fruitori di smartphone, questa app fotografica è senza dubbio la più amata. Perchè?

In linea teorica è presto detto: consente a chiunque di condividere i propri scatti fatti da smartphone. E badate bene, il fatto che si tratti di un dispositivo mobile e che quindi considerarlo una macchina fotografica sia un errore, è sbagliato. Certo, non si potranno calcolare e gestire esposizione, luce e sensibilità, ma i sensori montati all’interno degli smartphone di alta fascia non hanno nulla da invidiare a quelli montati su molte compatte. Se poi pensiamo ad aziende come la Nokia che vogliono inserire all’interno dei loro dispositivi possibilità di tipo computazionale, va da sé che essere troppo settari è solo un ostacolo ad una maggiore comprensione dell’arte della fotografia.

Detto questo, immergetevi in un neofita della fotografia digitale che voglia iniziare a sperimentare qualcosa con un dispositivo di uso quotidiano perché ancora non sicuro tecnicamente ed economicamente di ciò di cui necessita. Instagram è la soluzione migliore per esplorare quali effetti prediligere, come dare significato ai propri scatti. E non per ultimo un modo di farsi conoscere immediatamente, senza eccessivi traumi, al pubblico. Anche quando ancora non si sa come muoversi con i diversi obiettivi ma magari si ha una storia da raccontare.  E’ questo il bello della rete ed in qualche modo della globalizzazione delle arti. Se in qualche modo il lavoro del professionista ne viene a “risentire”, dall’altro canto è innegabile che servizi come Instagram possano aiutare chi ancora sente di non avere un posto nel mondo della fotografia, a trovare la sua strada. Cosa ne pensate?  Sebbene una mostra reale sia migliore di una virtuale, questo tipo di applicazioni vanno combattute o appoggiate?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>