Annie Leibovitz fotografa Tiger Woods per Vanity Fair

di Redazione Commenta

La copertina di febbraio di Vanity Fair versione americana sarà dedicata a Tiger Woods, il giocatore di golf più famoso del mondo che è balzato agli onori delle cronache rosa per lo scandalo a luci rosse che ha coinvolto decine di amanti, rovinato la sua famiglia e che gli ha fatto perdere praticamente tutti gli sponsor legati alla propria immagine.

In copertina sul noto magazine americano, Tiger appare a patto nudo mentre solleva due pesi, insomma in splendida forma. La foto non è stata scattata nell’ultimo mese però, quelli di Vanity hanno infatti tirato fuori un servizio datato 1997 inserendo alcune foto inedite e dando un ritratto del giocatore non esattamente casa e chiesa.

Le foto sono della grande fotografa Annie Leibovitz che l’ha ritratto molto prima dello scandalo che forse l’ha reso meno ricco e più infelice, ma che di certo l’ha reso anche una persona vera e non più l’uomo mascherato da vita perfetta – famiglia perfetta.

Se pensiamo a com’è risorta Kate Moss dopo lo scandalo della cocaina (più bella e ricca che mai) non si fa fatica a credere che Tiger uscirà da questa storia senza troppi danni, anche se in America in effetti sono meno inclini al perdono per questo tipo di vicende.

Ma di sicuro questa copertina potrebbe aiutare anche Annie Leibovitz ad uscire dalla sua crisi economica che l’ha colpita la scorsa primavera quando la finanziaria Art Capital ha citato la Leibovitz per un debito di 24 milioni di dollari. Gli ultimi anni della famosa fotografa sono stati molto difficili perché ha perduto sia i genitori che la sua compagna, la scrittrice Susan Sontag e probabilmente ha fatto qualche investimento sbagliato, aggravato dalla crisi economica.

Si spera che questa copertina serva da rinascita sia per Tiger Woods che per Annie Leibovitz che probabilmente nella vita non condivideranno niente, ma che in questo momento sono entrambi in un momento non facile della propria vita e forse una foto riuscirà ad aiutarli entrambi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>