Nikon in crisi, necessario rivedere le strategie?

di Valentina Cervelli Commenta

Non lo avremmo mai detto, ma le statistiche di vendita della serie Nikon 1 non fanno intuire un momento eccessivamente positivo per il brand. Non ci stupisce quindi, come verificato in passato tramite alcune, che stia tentando di aprire i propri orizzonti verso il mondo degli smartphone.

Di solito quando si pensa alla Nikon, ammettiamolo, pensiamo ad un marchio che rasenta la perfezione, attento alle esigenze del cliente con continui aggiornamenti firmware e dotato della capacità di lavorare su più fronti senza perdere nessun colpo. Purtroppo però la realtà può differire dalla fantasia ed ecco che scopriamo che la Nikon 1, come serie, non sta andando bene. Il colosso del settore non è infatti riuscito a raggiungere quelli che erano i suoi obiettivi di vendita prefissati se non in Giappone ed in Cina.

Certo, il mercato un po’ incerto e la crisi non aiutano, è ovvio. Ma buona parte della colpa, inutile dirlo, è da imputare alle flessioni di vendita delle fotocamere digitali compatte. Sebbene l’azienda sia sempre impegnata ad offrire alla sua clientela dei prodotti di qualità ed a differenti ed adattabili fasce di prezzo, una caduta delle vendite del 30% rimane comunque un dato non solo triste, ma particolarmente allarmante.

A quanto pare, spulciando le dichiarazioni dei responsabili e qualche forum specializzato, sarebbero essenzialmente tre le reazioni alle quali la Nikon avrebbe deciso di dare spazio. La prima è quella di dare una forte accelerazione allo sviluppo di reflex di tipo entry level, tentando di riprodurre un dispositivo come la Nikon D3100, il cui successo non era poi stato bissato (nonostante delle vendite soddisfacenti, N.d.R.) dal modello seguente.

La seconda è ovviamente quella di rivedere lo sviluppo delle fotocamere digitali compatte. Le Coolpix rimangono una serie grandiosa di dispositivi, ma è necessario modificare le strategie per tentare di riportare ad un livello accettabile la risposta da parte dell’utenza. L’ultimo intervento, ma non per importanza, è quello di rivedere, a causa dei pessimi risultati, la serie mirrorless Nikon 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>